PIX

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Comprendi la tua Malattia con le Scoperte del Dottor Hamer

domenica 27 novembre 2016

PNL: SEI VISIVO, UDITIVO, CINESTETICO O AD?

PNL: 
SEI VISIVO, UDITIVO, CINESTETICO O AD?
Risultati immagini per uditivo visivo cinestesico


Molti ne parlano, ma in realtà, si tratta di uno strumento di cui molti ancora oggi ignorano l’esistenza e/o la reale applicazione ed efficacia. E’ un metodo psicologico, ideato negli anni ‘70 in California da Richard Bandler e John Grinder, basato sul principio che ogni comportamento, avendo una sua struttura ben precisa, può essere studiato e quindi pilotato per ottenere comunicazioni più efficaci. Secondo gli ideatori, esiste infatti una connessione tra i processi neurologici (hardware), il linguaggio (strumento di programmazione) e gli schemi comportamentali dettati dall'esperienze pregresse (software) che, se conosciuti, possono con la “pratica” modellare con successo i comportamenti delle persone.

Secondo la PNL, le persone possono filtrare la realtà esterna attraverso tre canali sensoriali predominanti: visivo, uditivo e cinestesico (sensazioni). Questi portano ad un “processo di modellamento”, ossia alla creazione di un vocabolario di codifica analitica degli atteggiamenti/ espressioni/ ecc. delle altre persone (anche detto “estrazione delle strategie”).

Sei più visivi che uditivi o siete più cinestetici di Auditivi digitali (mentali ....più nella tua testa)?

Scopriamo come si elaborano le informazioni e come voi avete bisogno di informazioni per essere soddisfatti veramente.

Ecco qualche informazione in più sui sistemi di rappresentazione ...Risultati immagini per uditivo visivo cinestesico

Sistemi rappresentazionali della PNL.

Gli esseri umani elaborano le informazioni di processo in quattro modi distinti, questi sono chiamati: visivo, uditivo, cinestetico e digitale uditiva.
Sono anche indicati come modalità o sistemi rappresentazionali (sistemi REP) - questi sono modi in cui percepiamo il mondo attraverso i nostri cinque sensi e il modo in cui di solito lo comunichiamo di nuovo al mondo.
Quando l'informazione raggiunge il nostro cervello, viene dato significato e forma una esperienza soggettiva del mondo - questa è la nostra rappresentazione altrimenti noto come la nostra percezione.
Anche se usiamo tutti i sistemi di rappresentazione, tendiamo ad avere una preferenza, proprio come ci sono persone che preferiscono certi tipi di alimenti.

Le statistiche indicano che in un paese sviluppato, le persone sono in prevalenza;

60% visiva
20% uditiva
20% Cinestetico.

Vale la pena aver presente questa statistica  quando si crea il marketing o il materiale pubblicitario.

Il sistema rappresentazionale che usiamo prevalentemente è la nostra lingua speciale della nostra esperienza e abbraccia tutti i processi mentali di pensiero, ricordo, l'immaginazione, la percezione e la coscienza.
La comprensione di ciò ci permette di comunicare meglio con noi stessi e gli altri e controlliamo il nostro modo di interpretare le cose.

I sistemi rappresentazionali che si tende ad usare più frequentemente sono:

Risultati immagini per uditivo visivo cinestesico

Visiva (V) vedere Risultati immagini per uditivo visivo cinestesico
Uditiva (A) l'udito Risultati immagini per pnl auditivo
Cinestetica (K) sensazione Risultati immagini per uditivo visivo cinestesico

digitale uditiva (Ad) dialogo interno o parlare di sé e usiamo anche il nostro

Olfattiva (O) - senso dell'olfatto Risultati immagini per naso gigante  e

Gustativo (G) - Gusto Risultati immagini per labbroni

Risultati immagini per uditivo visivo cinestesico

Visivo

persone visive tendono a fare le cose più rapidamente sia che si tratti in movimento o di parlare.
Una foto dice più di mille parole e che stanno descrivendo a parole le immagini che stanno volando attraverso la loro mente.
Possono parlare in un tono più alto e tendono a sedere in modo eretto sul bordo della sedia, con i loro occhi scrutano rapidamente e in generale respirarano più superficialmente parte alta dei polmoni.

Usano molto i gesti, che tendono ad essere più vicini altezza della testa e non hanno alcun problema di gettare le mani in aria.
In genere hanno un aspetto ordinato, organizzato e ben curato.

Essi trovano difficoltà a ricordare le istruzioni verbali perché le loro menti tendono a vagare.
Essi sono meno distratti dal rumore e usano predicati visivi come, vedo quello che vuoi dire o ho l' l'immagine di ciò che dici.

Fisicamente, sono spesso sottili e ispidi e le loro mani riflettono anche questo con lunghe dita sottili. Risultati immagini per lunghe mani sottili
La loro scrittura è fatta di punti taglienti e tendono a scrivere in fretta.

Respirazione: alta dei polmoni
Discorso velocità: Veloce
Gesti fisici: spesso gesticolando con le mani
Predicati: Vedere, guardare, guardare ...
Accessi oculari: In alto a sinistra o in alto a destra
Altre particoarità: Parla in tono più alto

Auditivo

Le persone che sono prevalentemente uditive fanno le cose più ritmicamente.
La loro voce tende ad essere di gamma media e parlano a se stessi, sia internamente che esternamente; essi possono anche muovere le labbra quando leggono. Risultati immagini per lettore

Essi respirano alla metà del loro petto e utilizzano alcuni gesti delle mani, ma non ampiamente. Risultati immagini per gesto mani rotatorio
Essi possono ripetere le istruzioni in modo semplice e sono distratti dal rumore.
I pensatori uditivi spesso inclinano la testa da un lato in una conversazione, come se stessero ascoltando una conversazione al telefono.
Essi memorizzano le cose in passi o sequenze e piace sentirsi dire le cose e sentire il feedback nelle conversazioni.

Tendono ad usare predicati uditivi, come, mi suona bene o è un discorso che stride, e sono interessati a quello che hai da dire.
Possono essere ottimi ascoltatori e godere della musica e voce parlata.
La loro scrittura è tra gli stili visivi e cinestetico.

Respirazione: metà torace
Discorso velocità: Media
Gesti fisici: gesti lievi
Predicati: Ascoltare, ascoltare, suona come ...
Accessi oculari: da un lato all'altro orizzontale
Altri segnali: Può inclinare la testa in una conversazione

Cinestetico

Le persone cinestetiche tipicamente respirano profondamente, i loro stomaci si gonfiano e si sgonfiano.
Fanno le cose molto più lentamente rispetto a una persona visiva ed hanno una voce profonda. Quando parlano, ci sono lunghe pause ed elaborano le cose in base ai sentimenti che ottengono.

Rispondono bene al tatto e ricompense fisiche. Risultati immagini per uomo propiziatorio
Usano pochi gesti delle mani e in generale stanno più vicino alla persona con cui stanno parlando. Usano predicati come, vorrei che tu afferassi il discorso o ha un solido fondamento e sarà in grado di accedere alle proprie e altrui emozioni più facilmente.
Fisicamente essi tendono ad essere più solidi e, in generale le loro mani sono più grandi o più grosso (in modo che possano fare i conti con le cose).

Essi sono interessati a come ti senti e memorizzare le cose attraverso processi o facendole direttamente.
La loro scrittura è più arrotondata ed è probabile che faranno molta pressione sulla pagina.

Respirazione: Parte inferiore dei polmoni
Discorso velocità: Lento
Gesti fisici: gesti delle mani pochi, di solito stando vicino al corpo
Predicati: presa, si sentono, ruvido, morbido, duro ...
Accessi oculari: In basso a sinistra
Altri segnali: voce più profonda, prende pause più lunghe


Uditiva digitale (o digitale)

Le persone digitali uditive utilizzeranno gli altri 3 sistemi di rappresentazione.
Inoltre, parleranno molto a se stessi per dare un senso alle cose e capirle.

Hanno posto un alto valore sulla logica e ai dettagli. Risultati immagini per autistico asperger
Usano anche parole astratte senza alcun legame sensoriale diretto.
Usano predicati come, capisco la vostra motivazione o questo mi torna.
Come risultato delle loro emozioni sono attaccati alle parole che stanno usando per descrivere, e spesso sono meno emotivamente attaccati ai risultati (doppia dissociazione).

Respirazione: addome volte inferiori
Discorso velocità: a volte lento
Gesti fisici: ristretti
Predicati: sensibile, capire, calcolare, analizzare ...
Accessi oculari: In basso a destra
Altri segnali: Spesso non emotivamente attaccati ai risultati

Per approfondire:
Introduzione alla PNL3
La PNL potenziata con l'ipnosi ed aggiornata al livello quantistico per una comunicazione irresistibile
€ 38.5

domenica 13 novembre 2016

Superstizioni e credenze

 Superstizioni e credenze
Risultati immagini per Superstizioni e credenze


Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio.......

Un uomo ogni dieci secondi batte le mani. A chi gli chiede il perché di questo strano comportamento, risponde: «Per scacciare gli elefanti». E quando gli si fa notare che lì non ci sono elefanti, risponde: «Ecco, vedete che funziona».

Da una premessa erronea, attraverso una logica stringente, si arriva a degli effetti concreti nella realtà.
Cosa c’entrano gli elefanti con le superstizioni e le credenze?
Ognuno di noi ha i suoi elefanti da cui difendersi
E i suoi rituali da fare per poter scacciare gli elefanti.Risultati immagini per elefanti
Cos'è la superstizione e quando nasce?
La superstizione nasce con l’uomo
Ogni essere umano per il timore dell’ignoto, di un qualcosa che è sconosciuto
Come può essere il futuro
Ha bisogno di mantenere il controllo
Il futuro ci spaventa perché non sappiamo mai come andranno le cose
Quindi molto spesso noi andiamo alla ricerca di rassicurazioni, per quello che è il futuro.
Ci vogliamo rassicurare, vogliamo cercare di prevedere e mantenere il controllo sull'incontrollabile.
Per questo sin dai tempi più antichi le popolazioni, le civiltà, hanno sempre fatto un qualcosa per propiziare bene gli eventi.Risultati immagini per ballo sciamanico
Pensiamo ai balli scaramantici delle tribù, oppure i sacrifici animali o umani, sono tutte cose che anche le civiltà anche le più primitive dei giorni nostri continuano a mettere in atto per poter propiziare bene gli eventi o scongiurare cose negative.
Anche noi mettiamo in atto ogni tanto dei rituali.
Es.
Gatto nero che attraversa la strada cosa fate?
Chi evita di passare sotto la scala?
Chi non indossa capi viola?
Oggetti che vi portate dietro perché portano bene?
Sono rituali che noi facciamo perché pensiamo che facendo quello tutto andrà per il verso giusto.
Quindi che cosa facciamo in realtà?
Attribuiamo un nesso di causa ed effetto tra qualcosa che compiamo (un comportamento)
e quello che succede nella realtà.
Questo però non è tipico solo degli esseri umani
1940 Burrhus Frederic Skinner è stato uno psicologo statunitense 
compie degli esperimenti molto importanti per quell'epoca
lavorava sul rinforzo operante
ovvero tutto quel sistema di premi e punizioni che servono ad insegnare ad un animale un determinato comportamento o una sequenza di comportamenti.
Durante questi studi scopri qualcosa di divertente
Ed usci un articolo su una prestigiosa rivista di psicologia americana che si intitolava
La superstizione del piccione
Che cosa scoprì Skinner?
Scopri che se a dei piccioni chiusi in una gabbia
La Skinner box Risultati immagini per skinner box
Si somministrava in maniera del tutto casuale dei bocconi di cibo
Dopo poco tempo questi piccioni iniziavano ad avere dei comportamenti stranissimi
Tipo:
piccione che continuava a girare su sé stesso
altro che alzava ed abbassava la testa ripetutamente
altro che muoveva le ali come per volare
che cosa era successo?
Anche i piccioni avevano attribuito una connessione tra il comportamento avuto un attimo prima della somministrazione di cibo e il cibo.
Anche se successivamente il mais o il chicco di riso veniva somministrato ancora in modo del tutto casuale 
Proprio perché il piccione continuava a ripetere quel rituale per lui era un rinforzo
Al fatto di pensare che quel comportamento poteva far riavere un altro poco di cibo da mangiare.
Quindi alla base della superstizione c’è proprio questo
Un attribuire …. Un pensare…. ho fatto questo un attimo prima mi è andata bene quindi vuol dire che se è andata bene quella cosa tutto dipende da quello che ho fatto un attimo prima.
Questo succede anche negli sportivi
Se un tennista pensa che fare punto dipenda da come mette il cappello il punto non è più attribuito alla sua abilità ma al suo rito.
Ci sono degli atleti che finiscono a non fare più nulla se prima non mettono in atto i rituali.
La concentrazione dell’atleta non è più sulla prestazione ma sullo svolgere bene quel rituale.
E il tranello è proprio li
Se io non faccio il punto vuol dire che non ho eseguito bene il rituale.
La differenza tra normalità e patologia sta proprio nel fatto che ….capita a tutti di vedere un gatto nero e fermarsi …… una volta ogni tanto ……. ed arrivare a non fare più nulla senza la sequenza di quei rituali.
Ci sono persone che sprecano tutta la giornata a fare rituali propiziatori ….. una trappola veramente grande perché non esiste più la vita di questa persone.
La vita è solo concentrata nello svolgere al meglio il rituale.
Tutte le volte che lo faccio rafforzo in me la credenza che tutto è andato bene perché ho eseguito quella cosa e la rafforzo sempre più a forza di ripetere quel rituale.
Qui si entra nell'ambito della patologia.
Nell'ambito di quello che viene definito disturbo ossessivo compulsivo propiziatorio magico.
Esistono vari tipi di rituali i principali sono:
rituali numerici 
Per propiziare bene la mia giornata o per scongiurare che qualcosa vada male io ripeto il mio rituale un certo numero di volte ….. faccio quella cosa per un tot di volte
Oppure
Rituali a sensazione
Ripeto formule mentali o agisco comportamenti fino a che non ho la sensazione dentro di me che …. basta così.
Ora anziché andare a ricercare le cause nel passato concentriamoci su quello che le persone fanno nel presente per risolvere il problema e anziché migliorarlo lo peggiorano o lo alimentano ed analizziamo le tentate soluzioni messe in atto da chi soffre di questo disturbo.
Facciamo un esempio:
ho una paura tremenda che mi succeda qualcosa di male 
per rassicurarmi comincio a mettere in atto il rituale
il rituale che lì per lì mi dà una sensazione di sollievo
la tentata soluzione che alimenta il problema in virtù del fatto che una volta che ho messo in atto il rituale
consolido ancora di più la credenza che quel rituale è importante per fare andare bene  le cose
quindi il rituale è una tentata soluzione disfunzionale
Altra tentata soluzione chiedere aiuto rassicurazione di altri
Faccio un rituale ma non sono sicuro di averlo fatto bene
Chiedo alle persone che vivono con me di guardarmi mentre lo rifaccio per vedere se lo faccio correttamente.
Questo sistema anziché dare fiducia nelle proprie capacità le distrugge ancora di più.
Altra tentata soluzione l’evitamento.
Vedo il gatto nero che attraversa la strada ed io evito di passare di li.
Oppure invitato a cena so che siamo in 13 evito di andare.
Questo evitare cosa insegna a me stesso….
Che se ci fossi andato sarebbe successo qualcosa di male.
Tutte queste tentate soluzioni …… secondo voi  ….. aumentano o diminuiscono la fiducia in se stessi?  ……..
O la annullano?
Quando una persona sono diversi anni che mette in atto una di queste tentate soluzioni non le si può dire ……  stai sbagliando.
Non posso spiegare razionalmente ad una persona che si è invischiata in un problema che in quel modo sta sbagliando.
Quando c’è un problema si è creato un equilibrio un’omeostasi e resiste a qualunque cambiamento.
Se ad una persona che ripete rituali dalla mattina alla sera per propiziare le cose che vadano come vorrebbe non le si può certo dire …
‘’guarda che così non va … non puoi continuare così’’
Cosa facciamo in questo modo?
Alimentiamo solo la sua resistenza e lo spaventiamo ancora di più perché lui ha bisogno dei suoi rituali
Un bisogno estremo perché altrimenti nella sua mente c’è l’idea che se non farà più quelle cose succederà una catastrofe.
Per risolvere queste situazioni dobbiamo entrare nella logica del paziente fino a far diventare il rito una tortura.
Se una persona per propiziare la propria giornata fa un certo numero di rituali tra cui la mattina mi alzo e salto 10 volte perché questo propizia bene la mia giornata e se non lo faccio sto male.
Continua a farlo ma lo fai come dico io
O eviti di farlo o lo rifai 15 volte puoi non farlo ma se lo fai una volta lo rifai per altre 15 volte.
 Una vota data questa prescrizione quando il paziente torna dice di non aver più messo in atto il comportamento
Non abbiamo dato contro alla logica del paziente ma abbiamo dato a lui il potere della sua ossessione.
Ad avere lui il potere sul suo rituale …….. decido io quante volte farlo.
Inoltre quel rito diventa qualcosa di imposto, diventa una tortura tanto che alla fine il paziente lascia cadere il comportamento.
Questo vale per i rituali numerici.
Per quelli che compiono preghiere o visualizzazioni strane fino ad avere la sensazione in se che basta così 
Possiamo utilizzare il posticipare il rituale.
Tutte le volte che ti viene di farlo fallo dopo 10 minuti.
Di seduta in seduta si aumenta il tempo fino a che la persona capisce che nel tempo che attende non succede nulla e comincia a riacquistare la fiducia nelle sue capacita e la credenza fobica.
Quindi in terapia prima individuare la tipologia di rituale individuare se ci sono altre tentate soluzioni, tipo se va dai maghi per esempio.
Questa è un'altra trappola perché sappiamo che se qualcuno ci dice una profezia saremo noi a metterla in pratica.
Questo è il fenomeno della profezia che si auto adempie.
Storia di Edipo

Edipo, re di Tebe (nella Beozia), è deciso a estirpare la causa di una pestilenza che tormenta la sua città.
Il dio risponde: la citta è contaminata a causa della morte, rimasta impunita, del suo vecchio re Laio; si deve trovare il colpevole.
Edipo sospetta del cognato Creonte e del profeta Tiresia, che, interrogato, si era rifiutato di rispondere; anzi, aveva imputato allo stesso Edipo quel delitto.
A questa situazione dà esito Giocasta, già moglie di Laio e convolata poi, in seguito alla sua morte, a seconde nozze con Edipo.
Giocasta invita il marito a non dare ascolto a nessun oracolo e a nessun profeta; anche a Laio - sostiene - il dio aveva detto che sarebbe stato ucciso da suo figlio, e invece l'unico figlio di Laio morì appena nato.
Lo stesso Edipo aveva avuto un oracolo che gli aveva predetto come un giorno egli avrebbe ucciso suo padre e si sarebbe unito alla madre.

Proprio allora giunge notizia che Polibo, padre di Edipo, è morto nella sua terra di Corinto. Ma un vecchio servo della casa di Laio solleva infine, tra dolorose reticenze, ogni velo: Edipo è figlio di Laio, che lo espose neonato sulle balze del monte Citerone affinché morisse; qui il piccino fu raccolto da Polibo, che lo adottò come suo.
Edipo, udendo il racconto e rendendosi conto di quel che è accaduto, si trafigge gli occhi con due fibbie, e diventa cieco, mentre Giocasta si strangola con un laccio. Creonte viene eletto re di Tebe.


Il paradosso della superstizione è che essere superstiziosi porta sfortuna. Risultati immagini per Superstizioni e credenze

Per approfondire: